Problemi seri

Alcuni comportamenti sono così distruttivi per il gioco e per la comunità da non poter essere tollerati in alcuna circostanza. Il nostro obiettivo è di ’’prevenire’’, quindi evitare che i giocatori commettano queste azioni, ma se lo fanno, dobbiamo rimuoverli dal torneo. Teniamo sempre a mente che, indipendentemente dall’età o dall’esperienza, i giocatori vanno trattati alla stessa maniera.

Comportamento Aggressivo

Vogliamo che il torneo sia un esperienza di gioco positiva per tutti. Alcuni giocatori potrebbero essere stressati, o arrabbiati per l’esito di una partita. Questa non può essere una scusa accettabile per rovinare l’esperienza di gioco agli altri.

Far sentire a disagio gli altri

Se un giocatore si arrabbia, o insulta l’avversario, una breve chiacchierata dovrebbe essere sufficiente. Di solito capirà le motivazioni per le quali il suo comportamento non è accettabile.

Esempio. Un giocatore, dopo aver perso una partita per una topdeckata dice all’avversario: “Che c**o sfondato che hai, bas***do!”

In alcune comunità può capitare che questo genere di comportamento sia diffuso e accettato da tutti i membri, che pur insultandosi a vicenda frequentemente, si divertono e hanno un’esperienza di gioco piacevole. Anche se non sarà facile, è bene che educhi questi giocatori, perché un nuovo giocatore che si avvicina alla loro comunità potrebbe sentirsi a disagio, e allo stesso modo, quella comunità potrebbe avere problemi quando si confronterà con altri ambienti di gioco. Ricorda quindi che lo stesso tipo di condotta va trattata alla stessa maniera in qualunque comunità.

Insultare direttamente un altro giocatore

Se un giocatore persevera con lo stesso tipo di comportamento, o insulta l’avversario per colore, razza, genere o religione, dovresti essere molto chiaro e deciso con lui e sincerarti che non si comporti mai più alla stessa maniera. Accertati che capisca che non sei tu a imporre un comportamento più appropriato, ma che è questo atteggiamento ad avere un impatto davvero negativo sulle altre persone.

Esempio. Un giocatore, molto arrabbiato per come è andato il torneo, dice alla sua avversaria: “Le femmine non dovrebbero manco giocare a sto gioco, sei solo una t***a con un c**o quanto una casa che non sa manco tenere le carte in mano!”

Ricordate che se un giocatore continua a ignorare le vostre richieste riguardo al suo comportamento, potete rinforzare i vostri tentativi di educazione assegnandogli una Partita Persa. Potrebbe essere il caso che la persona in questione voglia chiedere scusa, ma considerate sempre la possibilità che qualcuno possa non voler vedere o ascoltare chi l’ha offeso per un po’ di tempo. La cosa più importante è che rassicuriate chi ha subito il torto che questo non accadrà più e che può sempre contare su di voi per fermare questo tipo di comportamenti.

Aggressione

Se un giocatore diventa aggressivo, fa sentire le persone intorno a lui minacciate o in pericolo, o molesta un altro giocatore, dovresti rimuoverlo dal torneo e riportare l’accaduto seguendo il Disqualification Process. Dovresti anche parlare con l’organizzatore che può allontanarlo dal luogo del torneo. ‘’Non provare a cacciarlo tu stesso se non ha intenzione di andare via.

Esempio. Ecco alcune situazioni nelle quali è consigliabile rimuovere il giocatore dall’evento:

  • Un ragazzino di tredici anni dice all’avversario che gli darà un pugno in faccia se gioca un’altra Counterspell.
  • Un giocatore scaglia il proprio mazzo contro l’avversario.
  • Uno spettatore prova con un’insistenza molesta, nonostante sia stato rifiutato, a convincere una giocatrice a concedergli un appuntamento, anche se la parte offesa è stata veramente chiara a riguardo, chiedendogli seriamente di smetterla.
  • Un giocatore tira una sculacciata a un altro/a.
  • Una ragazzina di 15 anni dà un calcio a un altro giocatore.
  • Un giocatore trentenne e d’esperienza prende a calci lo zaino di un altro giocatore.

Come puoi vedere da questi esempi, chi si comporta in modo inaccettabile non è rilevante. Che sia maschio o femmina, che abbia appena scoperto il gioco o che sia un giocatore esperto, giovane o anziano, non fa alcuna differenza. Nota anche che insistere con lo stesso tipo di comportamento dopo essere stati avvertiti non è accettabile e che i comportamenti molesti sono un problema serio, allo stesso modo dei comportamenti aggressivi. Il miglior modo per prevenire questo tipo di situazioni è parlare con i giocatori problematici prima che oltrepassino la linea, possibilmente quando non sono nemmeno arrabbiati. Se non riusciamo a prevenire il problema, la cosa più importante e prioritaria è calmare i giocatori e rasserenare la situazione, non dar loro una penalità.

Barare

Un giocatore sta barando se infrange intenzionalmente una regola, o mente ad un ufficiale di gare al fine di ottenerne un vantaggio. A volte i giocatori arrivano al torneo con l’intento di barare, ma più frequentemente, colgono l’occasione al volo.

Imbroglio Pianificato

Generalmente un giocatore che ha pianificato di barare lo fa tramite la manipolazione del suo mazzo o di quello dell’avversario durante la mescolata.

Esempio. Alex, mentre mescola il mazzo del suo avversario, guarda sempre l’ultima carta e la mette agilmente in cima al mazzo per far andare l’avversario in mana flood.

Questa è una trassata esemplare! Un giocatore che manipola il mazzo dell’avversario sta chiaramente barando. Ma ci sono altri metodi, molto più diffusi, per migliorare le nostre pescate.

Esempio. Johnny divide tutte le terre dalle magie, poi le rimette assieme alternando due magie con una terra, poi da due mescolate scarse al mazzo e lo presenta all’avversario. Quando gli chiedete il perché di questa procedura, Johnny dice che non vuole pescare solo terre e fa il mana check per evitarlo.

In questo esempio abbiamo un giocatore che prova a migliorare le sue pescate con la manipolazione del mazzo. Questo è barare. Sistemarsi il mazzo in questo modo è legale solo se dopo mescolate abbastanza da renderlo totalmente casuale, ma se mescolate a sufficienza, non c’è motivo di ordinarlo in quella maniera, perché non vi darà nessun vantaggio. Quindi non c’è mai un motivo valido per fare il mana check.

Imbroglio d’opportunità

Questo modo di barare è molto più diffuso di quello pianificato. Molti giocatori notano un errore commesso da loro o dall’avversario ma non lo fanno notare perché li avvantaggia.

Esempio. Joker attacca con un Wall of Fire. Batman si accorge che ha difensore, ma non dice nulla perché vuole davvero distruggerlo con la sua Swift Reckoning.

Attenzione che qui è Batman a barare, anche se Joker è quello cattivo quello che sta violando le regole! Batman ha notato un errore e ha taciuto a riguardo perché ne avrebbe tratto vantaggio. Questo è barare. Joker potrebbe stare anche barando, ma solo se si fosse accorto dell’abilità difensore e l’avesse ignorata di proposito. Non sta barando se si è semplicemente dimenticato che il muro ha difensore.

Mentire

A volte un giocatore ci mente, di solito per provare ad evitare una penalità.

Esempio. John ha dimenticato di rimuovere il Black Knight che aveva inserito di side per l’incontro precedente, ma è molto stanco e non se ne accorge. Noi siamo al tavolo e siamo sicuri che non giochi Black Knight nel main deck. Quando glielo chiediamo, si accorge dell’errore, ma siccome vuole davvero continuare a giocare la sua partita, senza che nessuno lo disturbi, ci dice che lo gioca nel main deck..

Esempio. Abbiamo il sospetto che Alex abbia ignorato l’innescata del suo Dark Confidant di proposito, perché era a un punto vita. Gli chiediamo, fra le varie cose, se si era mai dimenticato l’innescata prima, durante questo torneo. Lui crede che dare una risposta negativa possa metterlo in una situazione spiacevole, quindi ci dice che ha dimenticato l’innescata molte altre volte oggi. Viene fuori che questa è stata la prima volta che l’ha dimenticata, e quindi che lui ci ha mentito. Anche se c’è ancora la possibilità che non l’abbia dimenticato di proposito, ha mentito, e le sue intenzioni a riguardo sono chiare.

Esempio. Antonidas ha alcune carte in più nella sua sideboard. Gli chiediamo perché, e ci dice che la sua amica Sylvanas gli ha venduto queste carte oggi e che non aveva dove metterle. Queste carte sono molto forti nella sua sideboard quindi non siamo pienamente convinti della sua versione, e andiamo a chiedere a Sylvanas. Lei ci dice che oggi non ha venduto carte perché ha lasciato il raccoglitore a casa. Antonidas stava chiaramente mentendo, quindi dobbiamo squalificarlo.

Come puoi vedere negli esempi, alcune bugie sono più innocenti di altre, ma quando investighiamo, abbiamo bisogno che i giocatori ci dicano la verità, quindi la squalifica è sempre la penalità corretta.

Come scovare i bari

Molte volte i bari passano inosservati, e le loro azioni sembrano normali errori di gioco. Chiedere alcuni dettagli ai giocatori che sembrano guadagnare molto dai propri errori è un buon modo per controllare se sta accadendo qualcosa di losco. Approfondisci un po’ se la loro versione non sembra realistica e ti capiterà anche di avere più versioni diverse dell’accaduto da parte dello stesso giocatore!

Per esperti! Scoprire i bari é difficile. Cerca di non diventare ossessivo o vedrai bari dappertutto! Se sei interessato ad approfondire le tue tecniche investigative puoi leggere questi ottimi articoli di Eric Shukan: The Search for Collateral Truths - Part 2 - Part 3 o la versione tradotta in lingua italiana dai nostri Judges! La Ricerca delle Verità Parallele Parte 2 Parte 3

Corruzione e Scommesse

Offrire qualcosa in cambio di una concessione o di un drop, e scommettere su una qualunque parte del torneo è strettamente proibito.

Esempio. Ecco alcuni esempi a riguardo:

  • Un giocatore offre al suo avversario una propria carta in cambio di una concessione.
  • Uno spettatore scommette 1€ su un giocatore che salta il suo terzo land drop.
  • Due giocatori sono ai turni addizionali dell’ultimo round di Svizzera e il loro incontro sta finendo in pareggio, risultato che li lascerebbe entrambi fuori dalla top 8. Ono dei due chiede all’altro di concedere in cambio della metà dei premi che eventualmente vincerà durante la top 8.

Vogliamo che i giocatori giochino a Magic durante i nostri tornei. Scommettere su qualcosa che succede durante un torneo dà agli spettatori un’immagine veramente pessima del gioco e della comunità. Inoltre Magic è un gioco per bambini (13+) e adulti. Il gioco d’azzardo invece è solo per adulti responsabili. Non vogliamo che la gente veda Magic come vede il gioco d’azzardo; in molti paesi ci sono norme molto severe riguardo al gioco d’azzardo e Magic potrebbe essere vietato se venisse considerato un gioco d’azzardo. Inoltre preferiamo che il vincitore di un nostro evento venga determinato da partite di Magic. Non possiamo, per motivi pratici, proibire a un giocatore di concedere, ma dobbiamo verificare che niente venga offerto in cambio. Se due giocatori si accordano su una concessione in cambio di un qualunque tipo di ricompensa, tutti gli altri giocatori del torneo vengono penalizzati, soprattutto quello che arriverà nono! Nota che è comunque legale chiedere una divisione dei premi, e dopo che è stata accettata, concedere o chiedere di concedere. Il problema sorge quando le due cose sono connesse fra di loro.

Esempio. Jack: “Questo torneo è stato lungo è stancante. Sarebbe un peccato se uno di noi due non vincesse niente. Che ne dici se dividiamo a metà tutti i premi che vinceremo? Norman:”Certo, perché no!“ Jack: “Oh fantastico! Concedo!”

In questo esempio, ciò che stanno facendo i giocatori è perfettamente legale.

Per esperti! Se vuoi più esempi e una spiegazione più completa di cosa è o non è legale, puoi leggere questo fantastico articolo scritto in italiano dal nostro Salvatore La Terra! Patte, Concessioni e Split

Se invece preferisci la lingua inglese, ecco a te questo datato ma ottimo articolo di Sheldon Menery! FINAL JUDGEMENT: Concessions and Prize Splits

Lanciare un dado

Utilizzare un qualunque metodo diverso dal giocare a Magic per determinare il vincitore di un incontro è proibito. Questo di solito avviene tramite un lancio di dado, ma '’qualsiasi metodo casuale è proibito.

Esempio. Ecco alcuni esempi:

  • Due giocatori sono all’ultimo turno di Svizzera e il loro incontro sta finendo in pareggio, risultato che li lascerebbe fuori dalla top 8. Uno dei due chiede all’altro di lanciare un dado per decidere il vincitore.
  • Due giocatori sono stanchi e vogliono andare a casa dopo un lungo torneo. Uno chiede all’altro di lanciare una moneta per scegliere il vincitore, così possono andare a cena subito.

A volte il risultato di un incontro non aiuta nessuno dei giocatori nel loro percorso verso la vittoria. Scegliere un metodo casuale gli darà una possibilità non meritata, togliendola a qualcun altro che l’ha guadagnata giocando a Magic. Non vogliamo mai che questo accada. Che sia la finale o una partita fra due giocatori che non hanno niente da vincere, questo non cambia le regole, ma ci interessa sorvegliare meglio chi ha effettivamente possibilità di vincere qualcosa. È una buona abitudine stare vicino ai tavoli alti alla fine dell’ultimo round, dato che è il momento in cui i giocatori saranno più tentati di lanciare un dado o di corrompere l’avversario. Ricorda che sei lì per evitare che i giocatori infrangano le regole, quindi sentiti libero di intervenire prima che accada qualcosa: la maggior parte dei giocatori non sa nemmeno o non è sicura di cosa possa o non possa fare, ed è meglio schiarirgli le idee prima che dicano qualcosa.

Furto

Questa penalità include rubare dagli altri giocatori, dal luogo del torneo, e sostituire carte in un pool di limited.

Esempio. Un giocatore apre una foil di valore durante un evento Sealed Deck, e vuole tenersela senza droppare dall’evento. Fa finta che gli cada a terra e la sostituisce con una carta di minor valore.[1]

Ad alcuni giocatori piacciono alcuni numeri o vogliono un ricordo della partita che hanno giocato, allora prendono i numeri dei tavoli. Questo è furto di materiale da torneo ed è proibito.

Ricapitoliamo!

Un buon arbitro di negozio prova a prevenire’’ i problemi seri:

  • Scova i potenziali problemi in anticipo:
    • Parla spesso con i giocatori riguardo all’ambiente di gioco o alla comunità e chiedi la loro opinione… Loro ti potranno aiutare a scovare i problemi prima che diventino… beh, problematici!
    • Parla con gli organizzatori. Sono sempre nel negozio e vedono moltissime cose.
    • Osserva e ascolta: non limitarti a vedere le partite e sentire i giocatori, osservali, ascolta cosa dicono. A volte semplicemente non osserviamo o ascoltiamo abbastanza da vedere i segnali di qualcosa che potrebbe andare storto.
  • Previeni i futuri problemi tramite l’educazione:
    • Fai annunci. Assicurati che i giocatori conoscano le regole. Per esempio molti giocatori non sanno che è proibito tirare un dado per scegliere il vincitore di un incontro. Ricordaglielo durante tutti i vostri tornei.
    • Sii al posto giusto nel momento giusto. Abbiamo analizzato alcune delle situazioni che possono causare problemi più frequentemente; ricorda ai giocatori cosa possono fare e cosa no, appena prima che abbiano la possibilità di farlo. Le situazioni con in palio più premi o ricompense sono sempre più critiche delle altre.
  • Se nonostante tutto c’è un problema, affrontalo immediatamente:
    • Parla con chi ha causato il problema. Se hai fatto tutto bene, capirà la situazione e sarà dispiaciuto. Squalificalo e segui il Disqualification Process per segnalare la penalità alla DCI.
    • La parola “squalifica” è dura e carica di significato. Non devi necessariamente utilizzarla quando dici a un giocatore che ha finito di giocare il suo torneo. Digli piuttosto che devi rimuoverlo dall’evento perché ciò che ha fatto gli ha dato un vantaggio troppo grande, non è accettabile, o è dannoso per la comunità.
    • Se devi rimuovere qualcuno dal luogo dell’evento, o se la situazione sta vertiginosamente peggiorando, coinvolgi l’organizzatore non appena possibile. Non affrontate mai il giocatore direttamente.




  1. Questo scenario è diventato obsoleto con le nuove procedure di Sealed Deck ma resta possibile nei Drafts.
En.png
English
It.png
Italian
Fr.png
French
Es.png
Spanish
Pt.png
Portuguese
Ru.png
Russian