Effetti di copia

Alcuni oggetti diventano o trasformano altri oggetti in una copia di una magia, di un permanente, o di una carta. Alcuni effetti mettono in gioco pedine che sono copie di un altro oggetto. Questi effetti, e solo questi effetti, useranno la parola copia, come verbo o come nome.

Copiare permanenti

Questo è il modo più comune con il quale un giocatore copierà qualcosa. Ci sono tre modi in cui un oggetto in campo può essere copiato:

  • una magia si risolve come un permanente che entra in campo come copia di un altro oggetto già in campo (Clone);
  • una magia o abilità crea una pedina che è una copia di un oggetto già in campo (Spitting Image);
  • un oggetto in campo ha un’abilità che può farlo diventare una copia di un oggetto già in campo (Shapesharer).

Indipendentemente dal modo in cui un permanente diventa copia di qualcos’altro, si applicheranno sempre le seguenti regole.

Valori copiabili

Quando si copiano permanenti, la copia acquisisce solo i valori copiabili delle caratteristiche dell’oggetto originale. Per un normale permanente, i valori copiabili sono i valori che derivano dal testo stampato su di esso.[1]

Notate che, poiché la copia acquista il costo di mana e l’indicatore di colore, acquisirà anche il colore dell’oggetto. In particolare, gli effetti di copia non copiano eventuali segnalini presenti sull’oggetto, qualsiasi effetto statico applicato al momento su di esso, lo status dell’oggetto (tappato o stappato, trasformato o meno), l’illustratore, ed il numero di set.

Esempio. Un Polis Crusher è tappato, mostruoso e ha tre segnalini +1/+1. Se Clone entra sul campo di battaglia come copia di Polis Crusher, diventerà una carta di nome “Polis Crusher”, costo di mana Mana2.gifManar.gifManag.gif e tipo Creatura — Ciclope. Avrà le seguenti abilità: Travolgere, Protezione dagli incantesimi, “Mana4.gifManar.gifManag.gif: Mostruosità 3”, “Quando Polis Crusher infligge danno da combattimento a un giocatore, se Polis Crusher è mostruoso, distruggi un incantesimo bersaglio controllato da quel giocatore”. Sarà un 4/4 ed entrerà sul campo di battaglia STAPpato.

Notate che né l’essere TAPpato, né l’essere Mostruoso né i tre segnalini +1/+1 sono stati oggetto della copia.

Esempio. Viene usata l’abilità di Phyrexian Totem per renderlo una creatura artefatto 5/5 nera con Travolgere. Successivamente un Clone entra sul campo di battaglia come copia di Phyrexian Totem. Il clone non sarà una creatura artefatto 5/5 nera con Travolgere. Sarà una copia di un Phyrexian Totem non animato. Ovviamente, diverrà una creatura se la sua abilità verrà attivata.

Entrare nel campo di battaglia come copia

Alcuni permanenti specificano che diventano una copia di qualcosa “mentre [questo permanente] entra in campo” o che “puoi far entrare [questo permanente] come” una copia di qualcosa. È molto importante comprendere che queste non sono abilità innescate; piuttosto, queste abilità sono un sottoinsieme degli effetti di sostituzione. La decisione di quale oggetto copiare viene fatta mentre la magia si risolve o il permanente sta entrando in campo, e non bersaglia mai nulla. Perciò, l’oggetto che copia entra in campo già come una copia; non entra in campo e poi diventa una copia e non c’è alcun momento in cui il permanente è in campo senza essere una copia. In particolare, questo significa che i permanenti che entrano in campo come copia di un altro oggetto innescheranno le abilità “quando entra in campo” stampate sul permanente copiato.

Esempio. Se un Clone entra sul campo di battaglia come copia di un Kor Skyfisher, l’abilità che fa riprendere in mano al proprietario un permanente che controlli si innescherà.

Le scelte fatte per un permanente non vengono solitamente copiate quando si copia quel permanente. Invece, quando un oggetto entra in campo come copia di un permanente che richieda una scelta “mentre [questo permanente] entra in campo”, il controllore della copia sarà in grado di effettuare nuove scelte per esso.

Esempio. Controllo un True-Name Nemesis e ho, ovviamente, scelto il mio avversario. Quest’ultimo gioca un Clone e sceglie di copiare la Nemesi. La scelta che io ho fatto per la mia Nemesi non viene copiata; il mio avversario è libero di scegliere un altro giocatore, per la sua copia.

Se un permanente diventa una copia di un altro permanente con una tale abilità, il suo controllore non sarà in grado di effettuare alcuna scelta, dal momento che la copia non è entrata nuovamente in campo.

Esempio. Un Vesuvan Shapeshifter a faccia in giù ed una Voice of All per la quale è stato scelto rosso sono in campo. Vesuvan Shapeshifter viene girato a faccia in su e diventa una copia di Voice of All. La scelta del colore non viene copiata, e dato che il Vesuvan Shapeshifter non è entrato in campo, l’effetto di sostituzione di Voice of All non funziona. Nessun colore verrà scelto, perciò l’abilità che gli garantirebbe protezione non avrà alcun effetto.

Copiare magie

Alcune magie o abilità creano una copia di una magia o di un’abilità mentre è in pila. Una copia di una magia è essa stessa una magia, anche se non ha una carta a sé associata.

Tutte le scelte fatte quando la magia originale è stata lanciata vengono copiate. Questo include modi, bersagli, il valore di X, come avrà effetto su molteplici bersagli, e così via. Questo include anche eventuali costi addizionali o alternativi (come potenziamento, sovraccarico o intrecciare) che erano stati pagati. Scelte che normalmente vengono fatte in risoluzione non vengono copiate. Se un effetto della copia fa riferimento ad oggetti usati per pagare i suoi costi, userà gli oggetti usati per pagare i costi della magia o abilità originale.

Alcuni effetti di copia[2] permettono al controllore di scegliere nuovi bersagli per la copia. Il controllore può lasciare un qualsiasi numero di bersagli inalterati, anche se sarebbero illegali. Però, se decide di cambiarne, i nuovi bersagli dovranno essere legali.

Esempio. Twincast viene giocata copiando Fling. L’ammontare di danno inflitto al bersaglio è uguale alla forza della creatura sacrificata per pagare la magia originale. Può essere scelto un nuovo bersaglio solo perché Twincast lo permette.

Una copia di una magia non è mai stata lanciata, perciò abilità che si innescano quando una magia verrebbe lanciata non si innescano.

Esempio. Stai per uccidermi con un Brain Freeze con un alto “storm count”; posso di certo copiare il tuo Brain Freeze con un Twincast, ma dato che la copia appare direttamente in pila senza essere lanciata, la sua abilità di tempesta non si innescherà.

D’altro canto, alcuni effetti (come Elite Arcanist ed Isochron Scepter) copiano una carta e poi ti permettono di lanciare la copia. In questo caso, la copia viene creata nella stessa zona in cui si trova l’oggetto originale, e poi la copia viene lanciata quando l’abilità si sta ancora risolvendo.

Esempio. Fire // Ice è impresso su Isochron Scepter. Dopo che l’abilità di Isochron Scepter viene attivata, una copia della carta Fire // Ice viene creata in esilio mentre l’abilità di Isochron Scepter si sta risolvendo. Poi, il controllore dell’abilità di Isochron Scepter può scegliere se lanciare Fire oppure Ice ed aggiungerlo alla pila.

Hic sunt dracones!
Da qui in poi parliamo di argomenti molto complicati e certamente non richiesti a un candidato. Se stai studiando per l'esame, ti suggeriamo di passare alla prossima pagina. Se sei già certificato e vuoi ampliare la tua conoscenza, procedi a tuo rischio e pericolo.

Dracones.png

Interazione degli effetti di copia

Abbiamo detto sopra che i valori copiabili di un permanente derivano dal suo testo, e solo da quello. Però ci sono eccezioni. Più in particolare, se provo a copiare un permanente che sta già copiando qualcos’altro, la “copia della copia” ha la forma di ciò che è stato copiato in prima battuta.

Esempio. Una Goblin Guide ed un Clone che la copia sono in campo. La Goblin Guide originale viene uccisa da Terminate, poi lancio un secondo Clone scegliendo il Clone già in campo per l’effetto di copia. Il secondo Clone non entra come un Polimorfo 0/0; è effettivamente una copia della Goblin Guide anche lui.

Alcuni effetti di copia modificano il processo di copia, facendo sì che la copia guadagni un’abilità o non copi alcuni aspetti. Tali eccezioni vengono considerate parte dell’effetto di copia. Ognuna di queste eccezioni o modifiche ad un effetto di copia diventa parte dei valori copiabili per la copia, perciò una copia di una copia le mantiene tutte.

Esempio. Mentre Sakashima the Impostor entra in campo, Snapping Drake viene scelto come la creatura che copierà. Diverrà una Creatura Leggendaria – Drago il cui nome è “Sakashima the Impostor”, con un costo di mana di Mana3.gifManau.gif e forza e costituzione di base 3/2. Avrà volare e “Mana2.gifManau.gifManau.gif: Fai tornare Sakashima the Impostor in mano al suo proprietario all’inizio della prossima sottofase finale.”

Ora, una Phantasmal Image entra in campo, copiando Sakashima the Impostor, che sta al momento impersonando uno Snapping Drake. Diverrà una Creatura Leggendaria – Drago Illusione chiamata “Sakashima the Impostor”, con un costo di mana di Mana3.gifManau.gif e forza e costituzione di base 3/2. Avrà volare, “Mana2.gifManau.gifManau.gif: Fai tornare Sakashima the Impostor in mano al suo proprietario all’inizio della prossima sottofase finale.” e “Quando questa creatura diventa il bersaglio di una magia o abilità, sacrificala.”

Se un Clone entra in campo copiando la Phantasmal Sakashima Snapping Drake… beh, hai capito la solfa.

Copiare carte a faccia in giù o trasformate

Un altro effetto che può influenzare i valori copiabili di un permanente è girare quel permanente a faccia in giù. Se una carta a faccia in giù viene copiata, la copia sarà una creatura incolore 2/2 senza nome, tipo, abilità o costo di mana. Notate che la copia non sarà una creatura a faccia in giù: sarà una semplice 2/2 a faccia in su. D’altro canto, se una creatura a faccia in giù diventa una copia di qualcos’altro, questo effetto verrà “mascherato” dall’effetto di metamorfosi, perciò la creatura resterà un 2/2 senza faccia, ma se lo giro a faccia in su, rivelerà ciò che copiava. Sì, è complicato.

Quando copiate una carta a doppia faccia, solo la faccia che è attualmente in su viene copiata. Se la creatura che sta copiando la carta a doppia faccia non è una carta a doppia faccia essa stessa, non potrà mai trasformarsi, non importa quanto duramente ci provi. Essere una carta a doppia faccia è una proprietà fisica di una carta (come essere una pedina), e come tale non è parte dei valori copiabili.

Esempio. Lanciamo uno spaesato Clone. Poi comincia la follia:

  • Se Clone copia un Blistering Firecat a faccia in giù, entra nel campo di battaglia come una creatura 2/2 senza colori, senza nome, tipo, abilità o costo di mana, poiché questi sono i valori copiabili fissati dallo status “a faccia in giù”. Il Clone è però pur sempre a faccia in su, e non potrà essere “girato a faccia in su”.
  • Se Clone copia un Blistering Firecat a faccia in su, invece, e poi viene lanciato un Ixidron, il Blistering Firecat clonato verrà girato a faccia in giù, ma può essere girato a faccia in su pagando il suo costo di metamorfosi di Manar.gifManar.gif. L’effetto di copia ha fatto sì che il Clone acquisisse i valori della carta a faccia in su e li mantenesse, sebbene quando sia a faccia in giù sia solo un 2/2 senza volto.
  • Se un Clone copia un Ravager of the Fells, diventa esattamente ciò che vediamo: un sanguinario lupo mannaro. Inoltre, non può trasformarsi nuovamente in Huntmaster of the Fells, anche se le condizioni lo vorrebbero, dal momento che Clone non è una carta a doppia faccia!

Il caso di un Delver of Secrets che diventa una copia di Ravager of the Fells grazie a Cytoshape viene lasciato come esercizio per il lettore.





  1. Il testo di un permanente consiste in: nome, costo di mana, indicatore di colore, tipo di carta, sottotipo, riquadro delle regole, forza, costituzione e/o punti fedeltà.
  2. La maggior parte, in realtà.
En.png
English
It.png
Italian
Fr.png
French
Es.png
Spanish
Pt.png
Portuguese
Ru.png
Russian